10202017Ven
Last updateLun, 25 Set 2017 4pm

direttore F. FEDERICO USAI

Politica

“ Sviluppo,trasparenza,legalità “, Sergio Caci si è presentato ai suoi elettori


MONTALTO DI CASTRO - Venerdì scorso c’è stata la prima uscita pubblica di Sergio Caci, sindaco uscente,  candidato sindaco, con la lista civica che porta il suo nome, alle prossime elezioni amministrative. Molte le persone presenti tra seguaci di Caci e curiosi di ascoltare le nuove promesse di chi ha governato Montalto di Castro in questi ultimi anni.
Sergio Caci nel corso del suo intervento ha dato anche spazio alle domande e proposte del pubblico , ringraziando in apertura della serata i partiti e i gruppi della sua coalizione a “Sergio Caci Sindaco” nel nome del motto del logo che lo rappresenterà “ Sviluppo,trasparenza,legalità “.

Nel suo intervento iniziale Caci ha voluto sottolineare che la lista con cui si presenta è civica, come quella che nel 2012 lo ha visto vincere,  e avrà lo scopo di fare una politica inclusiva senza escludere nessuno che voglia fare il bene della propria città, “ Le porte sono e rimarranno sempre aperte per chi ha voglia di lavorare, di proporre, di operare nella legalità, nella trasparenza e nella libertà di pensiero” ha affermato Sergio Caci. "Stiamo insieme e ci siamo scelti - ha dichiarato Sergio Caci - come persone, non perché appartenenti ad un partito o ad un determinato colore politico. Non credo nelle liste monocolore, credo in quelle che, unendo più culture, danno la libertà di sventolare, come accadde durante la vittoria del 2012, la propria bandiera.”
 Il sindaco, nel rievocare l'apertura della prima assemblea del 2012, quando si ricordava come con una matita si poteva cambiare il clima politico di Montalto e Pescia, ha ringraziato quanti hanno reso possibile questo progetto, primi fra tutti gli elettori e la sua squadra di governo. Tra i molti punti affrontati nella sua presentazione Sergio Caci  ha ricordato che non si può insistere sul reddito di cittadinanza che sarebbe il solito assistenzialismo pro-fannulloni affermando,infine : "Il lavoro non è solo salario, ma dignità".



 

 



 

Pin It